mercoledì 24 maggio 2017

ROM IMPEGNATI IN CALABRIA

Welcome in Tziganie : a journey into gypsy music

Police Attack Roma Community in Slovakia: Children and Elderly Injured - ERRC.org

Police Attack Roma Community in Slovakia: Children and Elderly Injured - ERRC.org

Local authorities implicated in fatal attack on Roma residents in Kharkiv oblast - Human Rights in Ukraine

Local authorities implicated in fatal attack on Roma residents in Kharkiv oblast - Human Rights in Ukraine

Giornata delle comunità nomadi svizzere

Giornata delle comunità nomadi svizzere: Le comunità nomadi svizzere contano circa 30 mila persone, in massima parte Jenisch, più qualche centinaio di Sinti-Manouche. Di ...

lunedì 22 maggio 2017

A PROPOSITO DELLA STRAGE DI CENTOCELLE: ALLEANZA O PROPAGANDA?

Prendo da Facebook. Il titolo sopra è mio. Il contenuto sotto è di Idea Rom Onlus
 
Idea Rom Onlus con Sead Dobreva e altre 47 persone.
2 h ·
ALLEANZA O PROPAGANDA?
Dopo la tragica uccisione delle bambine a Roma, finita sotto gli occhi di tutto il mondo, è stata realizzata una manifestazione che dichiarava alcuni obiettivi, ma ne nascondeva altri.
Tant'è che all'indomani è stata lanciata la nascita di una nuova organizzazione Rom con tanto di sponsorizzazioni già accordate. Tutto già pronto da tempo...
Avevo aderito alla manifestazione in segno di solidarietà con la famiglia delle vittime, schiacciata dal dolore per quanto avvenuto e spaventata dalla crescita dell'intolleranza nei nostri confronti.
Ma oggi me ne vergogno.
Qualcuno aveva suggerito il silenzio, in segno di rispetto, ma altri avevano risposto che si trattava di una tragedia che poteva colpire qualsiasi nostra famiglia....
Eppure non si è avuto alcuna pietà per le lacrime di quella madre. E per qualcuno anche questa occasione è stata buona per mettersi nuovamente in mostra e fare le solite foto sorridenti, come ad una festa. Ci mancava solo la fisarmonica o la performance teatrale.
Ma io dico, non si poteva aspettare qualche giorno, separando nettamente le due questioni, proprio per non dar neanche minimamente l'idea di voler strumentalizzare la morte di quelle creature?
E' proprio per questo che oggi non posso stare in silenzio, neppure di fronte ad altri Rom, soprattutto di fronte ad altri Rom, per la vergogna di aver usato questa triste vicenda per altri scopi.
Ci vuole più rispetto e non si possono affrontare i problemi del nostro popolo usando le peggiori tragedie per altri scopi. Eppure vedo fotografie e inni pieni di orgoglio, anzichè un po' di vergogna.
Incredibili, non potevo crederci, eppure succede, mentre a me vengono i brividi pensando a dove si può arrivare con questi metodi.

Vesna Vuletic

Presidente IDEA ROM Onlus, Torino

venerdì 19 maggio 2017

IN MEMORIA DI UN VILLAGGIO ROM NEL CUORE DI MILANO



Preambolo: Io e Fabrizio Casavola siamo stati amici virtuali ma piuttosto assidui per un bel po'. Mi aveva nauseato la politica degli sgomberi e così diedi vita a questo blog. Un po' per imparare fissando in un luogo materiale interessante sulla vita e la cultura dei Rom, un po' per far girare informazioni meno stereotipate. Poi finalmente l'ho incontrato di persona (ricordo folgorante) e gli ho confessato che avrei chiuso il blog offrendogli magari la mia (modesta) collaborazione a "Mahalla". Lui invece mi disse: "No, vai avanti! Siamo già così pochi!".
Spesso nei link che rilancio su Facebook torna l'immagine di Fabrizio Casavola. In realtà è un meccanismo che sfugge al mio controllo. Non ho ancora capito come correggerlo. Ma a me piace pensare che Fabrizio, sornione come sempre, abbia deciso di non lasciarmi in pace...
Fabrizio vive!



LEGGI QUI:
https://www.passeggiatedautore.it/2017/05/19/memoria-un-villaggio-rom-nel-cuore-milano/

L’orrenda strage di Centocelle: finalmente la sinistra si mobilita - micromega-online - micromega

L’orrenda strage di Centocelle: finalmente la sinistra si mobilita - micromega-online - micromega

giovedì 18 maggio 2017

C’è il circo nel Dna di Virginia Raffaele: ecco le foto

Circo.it – Sito del mensile Circo Ente Nazionale CirchiC’è il circo nel Dna di Virginia Raffaele: ecco le foto

I sinti in piazza a Rimini. "Siamo qui per farci conoscere"

I sinti in piazza a Rimini. "Siamo qui per farci conoscere"

Mirrors training course on combating antigypsyism through Roma youth participation - Calls for participants

Mirrors training course on combating antigypsyism through Roma youth participation - Calls for participants

Rimini, lanciato un monito ai razzisti

U Velto - Il Mondo, notizie ed immagini dai mondi sinti e rom: Rimini, lanciato un monito ai razzisti: Ad Auschwitz Birkenau nello Zigeunerlager vennero divorati migliaia e migliaia di #sinti e #rom, ma il 16 maggio 1944 le circa quattromila ...

Le ‘familien-Zigeunerlager‘ d'Auschwitz II - Birkenau

Le ‘familien-Zigeunerlager‘ d'Auschwitz II - Birkenau - Mémorial des Nomades de France

domenica 14 maggio 2017

Uccise nel rogo, manifestazione di solidarietà a Roma | Video Sky

Uccise nel rogo, manifestazione di solidarietà a Roma | Video Sky

16/5/17 PRESIDIO IN MONTECITORIO

Il presidio
PER LA GIUSTIZIA E PER IL RISPETTO
Martedì 16 Maggio alle 15.30
Piazza Montecitorio, Roma

L’atroce morte di Francesca, Angelica e Elisabeth ha ferito profondamente tutta la nostra comunità. Per l’ennesima volta assistiamo alla morte dei nostri bambini e per l’ennesima volta il nostro dolore immenso viene sfregiato e offeso, dato in pasto alla peggior politica razzista e alle manifestazioni di odio gratuito in rete e sui media. Non sappiamo ancora chi ha commesso questo gesto disumano ma siamo uniti nel chiedere con forza la verità e la giustizia per queste vite spente così presto e per la loro famiglia.
Siamo uniti anche nel chiedere giustizia per tutta la nostra comunità. Vorremmo che l’Italia si rendesse conto di quanto profondamente e pericolosamente l’antiziganismo si è insinuato nella nostra società rendendo impossibile le vite di Rom e Sint e anche qualsiasi politica di inclusione sociale e civile.
Per questo Martedì 16 maggio, nell’anniversario della rivolta dei Rom e dei Sinti nello Zigeunerlager di Auschwitz, la giornata che è il simbolo della nostra resistenza, alle 15.30 saremo in piazza Montecitorio a Roma per chiedere al governo italiano e ai capigruppo del parlamento italiano:
il riconoscimento dello status di minoranza storico-linguistica di Rom e Sinti;
la costituzione di una Consulta Romanì che collabori nell’applicazione della Strategia Nazionale, finora completamente disattesa;
il superamento della segregazione istituzionale delle comunità Rom e Sinti e il contrasto dell’antiziganismo con politiche efficaci a lungo termine, perché ci possa essere finalmente una convivenza fondata sul rispetto e sulla dignità.

Alleanza Romani, associazioni: Federazione FederArteRom, Upre Roma, New Romalen, Isernia in Rete, Romano Drom, Museo del Viaggio Fabrizio De Andrè, Accademia Europea D’Arte Romani, Romano Glaso, Associazione Nazionale Them Romano Onlus, FutuRom , Django Reinhardt , Cittadinanza e Minoranze
Per adesioni: alleanza.romani@gmail.com
O Presidio
PRI ROMANI KRIS TA I ROMANI PATIV
martedì 16 Maggio 15,30
Piazza Montecitorio Roma

O dzungalo merribbé tar i Francesca, Angelica ta Elisabetta a dukhajà sa le Rom. Vuar furat buder te dikhas o merribbé tar le chavoré mèngre ta vuar furat buder o dukhadipé mèngre vel dukhaddó ko nafel, le racista keren lèngre melali politika opral a mend andre le social media ta andre le dzurnal ta televicion. Na dzanas kon kernia kava but dzungalo merribbe, lame sassare mangas ta te dzanas o sicipe ta mangas i kris pri kala chavoré ka marié tikinuré, i familje te dzanel kon a ciĺé. Sinjiem sa tekané pang priso mangas i kris pri sassare le Rom. Le Gage te dzanen sar si baro o antiziganismo andre l'Italia, ka na vel ta dzivel lacho le Rom ta le Sinte, kerel but esklusion, i politika ka le Gage keren opral a mend si but nasfalì, melali ta xoxanì.
Kava 16 maggio, andre o dives tar o risardipé tar le Rom ta le Sinte andre o Lager tar o Auschwitz, o dives ka si o baro dives tar i Romani Resistenze, ko 15,30 lame Rom ta Sinte keras jekh Presidio anglal o italikano Parlamento tar o Montecitorio andre Roma.
Mangas ka le Gage te prindzkaren ki le Rom ta le Sinte o Status sar jekh historikani ta chibkani minoranza etnika.
Mangas ka le Gage te prindzkaren meng jekh Romani Konsulta ka te kollaborenel tekane lend pri Strategia Nacionale ka fin a dadives na vilì applikimmé.

Mangas ka le Gage te ningaven i segregacione ta i diskriminacione opral a mend. Te keren jekh nevi politika prisosk pang le Rom ta le Sinte te dziven feder ta lache.
Keren o Romano Tekanipe: Federazione FederArteRom, Upre Roma, New Romalen, Isernia in Rete, Romano Drom, Museo del Viaggio Fabrizio De Andrè, Accademia Europea D’Arte Romani, Romano Glaso, Associazione Nazionale Them Romano Onlus, FutuRom , Django Reinhardt , Cittadinanza e Minoranze
Per adesioni: alleanza.romani@gmail.com

venerdì 12 maggio 2017

Vi spiego perché i Rom sono odiati | Italians

 Ci mancava Severgnini!




Vi spiego perché i Rom sono odiati | Italians

I nostri silenzi e il rogo di Centocelle | Reset

I nostri silenzi e il rogo di Centocelle | Resetrom, #roma, #sinti

CHI COLTIVA L'ODIO E' COLPEVOLE QUANTO CHI HA LANCIATO LA MOLOTOV

Questa è la meravigliosa società civile italiana.... bisogna ringraziare le istituzioni, i politici e i giornalisti corrotti. Davvero un bel lavoro. Complimenti a tutti!!!!!



Vesna Baxtali Vuletic ha condiviso la foto di Idea Rom Onlus nel gruppo: ROMANIPEN ITALIA.
4 h ·
Idea Rom Onlus
4 h ·
CENTOCELLLE, PARCHEGGIA SCHIACCIANDO I FIORI DEPOSTI IN RICORDO DELLE TRE BAMBINE
Si chiamavano Elizabeth, Francesca e Angelica ed erano tre bambine...
Ma non c'è limite alla disumanità della gente.
Uno schifo!
Donato Notonica Che gesto schifoso...
inumano.
Mi piaceVedi altre reazioni
· Rispondi · 1 h
Sena La Bella
Sena La Bella Non ciò parole👏
Mi piaceVedi altre reazioni
· Rispondi · 1 h
Doriana Chierici Casadidio
Doriana Chierici Casadidio Non c'è fine alla crudeltà
Mi piaceVedi altre reazioni
· Rispondi · 45 min

giovedì 11 maggio 2017

Strage a Centocelle, folla commossa alla messa per le tre sorelle rom

Strage a Centocelle, folla commossa alla messa per le tre sorelle rom

APPELLO DI GRAZIANO HALILOVIC, ZIO DELLE TRE SORELLINE UCCISE DAL FUOCO


2 h ·
Comunicazione di Graziano Halilovic

Sono Graziano Halilovic, cugino di Romano Halilovic e zio di Francesca, Angelica ed Elisabeth,
Qualcuno, un mostro, ha bruciato vive tre bambine nel sonno, con una bottiglia incendiaria che ha trasformato in un rogo il camper di Romano, l’altra notte, a Centocelle, in un parcheggio pubblico, dove stazionavano senza disturbare nessuno.
Non sappiamo chi sia stato potrebbe essere stato chiunque: un rom, un gagiò, un giornalista per fare notizia, un razzista per odio, un italiano o uno straniero….
Un mostro, di certo, che ha commesso un crimine orribile, imperdonabile e disumano, che ha visto dei genitori assistere inermi alla morte dei figli bruciati dal fuoco.
Il punto è che non sappiamo chi sia stato e non possiamo usare la fragilità e il dolore del momento per individuare un colpevole prima che le indagini facciano il loro corso.
Confido che le forze dell’ordine svolgano le indagini senza farsi influenzare da pregiudizi razziali e riescano a dare un nome e un volto al colpevole.
Ma fino ad allora chiedo agli attivisti rom e non rom, alla società civile, a tutte le organizzazioni e ong dei diritti umani, ai politici italiani ed europei di intervenire sui media affinché nel rispetto del dolore della famiglia e nel rispetto delle vittime e della comunità rom, vengano diffidati ad utilizzare termini diffamatori, parlando di “clan” e di “faide tra rom”, associando così la comunità rom ancora una volta a termini che richiamano la criminalità organizzata, finché le indagini di chi ne ha la competenza non porteranno alla luce la verità.
Non sappiamo al momento se il colpevole sia un rom, un italiano, uno straniero, un giornalista o di quale ideologia politica sia. Fare delle illazioni a riguardo, cercando di coinvolgere un’intera comunità, è un gioco inutile e irrispettoso nei confronti dei rom che colpisce la famiglia delle vittime due volte: prima nella irrimediabile perdita e poi nella continua discriminazione.
Voglio ringraziare Papa Francesco, il Presidente della Repubblica Mattarella, il Pontificio Romano e il Vescovo Don Paolo LoJudice, la Comunità di Sant’Egidio, i cittadini di Centocelle e tutti coloro, politici e cittadini italiani, che hanno espresso solidarietà alla famiglia di Romano in questo momento di insuperabile dolore.
Questo è il momento della preghiera e del silenzio, e non della strumentalizzazione per fini diversi di quanto è accaduto: dobbiamo stare vicini a Romano, a Mela e ai loro figli superstiti, e rispettare il loro lutto.
Grazie

martedì 9 maggio 2017

FONDAZIONE ROMANI': DOPO 5 ANNI DI STRATEGIA NAZIONALE

Newsletter www.fondazioneromani.eu




Dopo cinque anni di strategia nazionale








Inizio e chiudo questa personale riflessione con lo slogan di Margaret Mead: Non dubitare mai che un piccolo gruppo di cittadini coscienziosi ed impegnati possa realizzare il cambiamento. In verità è l’unica cosa che è sempre accaduta.

Nell’anno 2012 il Governo Italiano approva la strategia nazionale per l’inclusione della minoranza romanì, in attuazione dell’impegno della Comunicazione della Commissione Europea n. 173/2011.

L’approvazione di una strategia nazionale per lo sviluppo socio-culturale della minoranza romanì è un atto politico importante in Italia, in cui gran parte degli enti locali e delle istituzioni, con la collaborazione di associazioni ed attivisti, da diversi decenni attivano iniziative per le comunità romanès con un modello di sviluppo degli interventi che non produce benefici utili.

Tanti progetti, tante iniziative, zero risultati.

In questo grande festival Italiano di scelte sbagliate e di gravi errori verso la minoranza romanì, una strategia nazionale di inclusione deve tracciare un modello di sviluppo degli interventi per le comunità romanès per non ripetere gli errori del passato; invece la strategia approvata dal Governo Italiano è una grande delusione perchè
  • ripropone vecchie contraddizioni e distorsioni sulla minoranza romanì
  • non declina un modello di sviluppo degli interventi per le comunità romanès diverso dal passato
  • propone la costituzione di un “Forum delle comunità romanès” che di fatto è un inutile “carrozzone folcloristico”
  • ignora la partecipazione attiva e qualificata del rom
  • il sistema di governance (della strategia) mostra limiti ed equivocità che non permettono un radicale cambiamento rispetto al passato
Inoltre nel documento della strategia viene utilizzata una denominazione (rom, sinti e camminanti) ambigua e divisiva per definire la minoranza romanì.

Mi chiedo se la strategia è stata prodotta per un concreto sviluppo sociale, culturale, politico ed economico della minoranza romanì, oppure per continuare a foraggiare lo sfruttamento del disagio delle comunità romanès.

Sono trascorsi cinque anni dall’approvazione della strategia e nulla è cambiato rispetto al passato, concretamente cosa è stato fatto?

In questi cinque anni è emersa con chiarezza la volontà di NON effettuare un cambiamento rispetto al passato, di folclorizzare la partecipazione attiva del rom, di continuare a sottovalutare la lingua-cultura romanì.

Cosa dobbiamo ancora attendere prima di avviare un cambiamento concreto del modello di sviluppo degli interventi per le comunità romanès?

Le istanze delle associazioni e degli attivisti denunciano le responsabilità degli enti locali e delle istituzioni, le quali o ignorano il tema rom violando diritti fondamentali oppure attivano scelte sbagliate, spesso suggerite dalle stesse associazioni ed attivisti.

Sembra quella metafora in cui “il bue dice cornuto all’asino”.

Il cambiamento è prodotto dalle idee, dai fatti concreti, mai dalle chiacchiere mediatiche per una convenzionale denuncia finalizzata alla personale auto-referenzialità.

La MISSION non potrà produrre il cambiamento senza aver definito la “VISION”, la visione politica strategica.

La questione è tutta concentrata nel fatto che gran parte delle associazioni e degli attivisti impegnati in Italia per e con le comunità romanès sono bravi a “copiare goffamente” il passato perché non hanno una propria proposta politica ed un proprio modello di sviluppo degli interventi. FORSE non hanno le conoscenze e le competenze per definire idee dotate di senso e dare risposte concrete ai bisogni socio-culturali delle minoranza romanì, oppure FORSE non hanno interessi personali a perseguire l’obiettivo di migliorare le condizioni della minoranza romanì.

Nel contesto italiano è visibile la QUANTITA’ di associazioni-attivisti impegnati per le comunità romanès (questo è un fattore positivo), ma in gran parte di loro è invisibile la QUALITA’ (questo è un fattore negativo) per assenza di conoscenze e competenze.

Certamente ci sono poche associazioni ed alcuni professionisti rom che hanno acquisito documentate conoscenze e competenze, ed hanno maturato buone esperienze positive, sono leaders e professionisti per fatti concreti realizzati, e non sono “burattini mediatici” per la personale auto-referenzialità.

Il cambiamento per migliorare le condizioni della minoranza romanì deve partire dal coinvolgimento attivo a propositivo di queste positive professionalità del mondo romanò per costruire specifici processi di sviluppo della partecipazione, delle comunità e scelte politiche socio-culturale.

Non ha alcun senso continuare a promuovere a livello nazionale iniziative per la partecipazione attiva di rom e sinti in cui c’è tutto ed il contrario di tutto, in l’unica certezza è quella di dividersi sul nulla, e dove la presenza della parte positiva del mondo romanò diventa inutile.

Una strategia nazionale per l’inclusione della minoranza romanì ha un senso se parte dal coinvolgimento attivo e propositivo delle positive professionalità presenti nelle comunità romanès per declinare un modello di sviluppo degli interventi ed elaborare processi di partecipazione e di crescita delle comunità, cioè costruire ed avviare un cambiamento che è essenziale.

Non dubitare mai che un piccolo gruppo di cittadini coscienziosi ed impegnati possa realizzare il cambiamento. In verità è l’unica cosa che è sempre accaduta.
(Margaret Mead - Antropologa - Stati Uniti)

Nazzareno Guarnieri

 


---



Fondazione romanì Italia

Via Rigopiano n. 10/B  - 65124 Pescara 

sabato 6 maggio 2017

Progetto LUOGHI COMUNI

French Traveller shot and killed by police: can Macron “turn the page” on France’s shame?

French Traveller shot and killed by police: can Macron “turn the page” on France’s shame?

Présidentielle 2017: le candidat Macron nous répond - Mémorial des Nomades de France

Présidentielle 2017: le candidat Macron nous répond - Mémorial des Nomades de France

Festa in via Quarto per la beata Emilia « Noi Brugherio

Festa in via Quarto per la beata Emilia « Noi Brugherio

Musica balcánica y cultura gitana: sus raíces en México

Musica balcánica y cultura gitana: sus raíces en México: La gitana es sin duda uno de los pulsos culturales más fascinantes del mundo ¿qué tanto sabes de esta cultura?

Poems Found in Translation: Lera Yanysheva: Stone Children (From Lovara Romani)

Poems Found in Translation: Lera Yanysheva: Stone Children (From Lovara Romani)

martedì 25 aprile 2017

Dijana Pavlovic recita "Nazifa bebè a Fedora" (di Alberto Maria Melis)

Primo Levi - Tra le baracche di Auschwitz, lo zingaro

Primo Levi - Tra le baracche di Auschwitz, lo zingaro

Smantellare la “logica campo nomade”


Da qualche anno in Italia gran parte del dibattito pubblico sulla minoranza romanì è concentrato sulla volontà di “superare i campi nomadi”, consapevoli del disastro umanitario e culturale che questa scelta politica produce alla minoranza romanì.
Tutti dichiarano di voler superare i campi nomadi, ma la realtà mostra molte chiacchiere e zero fatti concreti, tale che spesso si intuisce facilmente che le chiacchiere sono solo di propaganda politica e autoreferenziale.
Smantellare la “logica campo nomade” non è solo l’abbattimento di baraccopoli, ma equivale ad eliminare ogni forma di politica segregante-differenziata per le comunità romanès e rendere visibile proposte e soluzioni inserite in un contesto dotato di senso.
Per esempio la proposta della micro-area per sole famiglie rom è una soluzione priva di senso perché si tratta ancora una volta di una soluzione segregante-differenziata per sole famiglie rom.
Cambia il nome, non cambia la sostanza, questo accade spesso da qualche decennio alla minoranza romanì, forse per ignoranza, o forse per opportunismo senza scrupoli.
Per non dimenticare ... il “campo nomadi” è un approccio multiculturale con politiche segreganti-differenziate destinate a sole famiglie rom; politiche definite per una sbagliata lettura della cultura romanì e dei bisogni delle comunità romanès; politiche legittimate da distorsioni ed equivoci.
E’ attraverso un approccio interculturale che le identità culturali riproducono la loro presenza storica ed hanno la possibilità di avere spazi e riconoscimenti.
Il passaggio del tema della minoranza romanì ad un approccio interculturale è visibile con l’avvio “processi” interculturali, essenziali per l’evoluzione dell’identità culturale romanì, per non scivolare verso la marginalità o la separazione.
Affrontare l’estremo vivere delle comunità romanès è possibile a partire da un lavoro sistematico, graduale e analitico, con processi di sviluppo delle comunità per giungere alla dismissione dell’approccio multiculturalista ed al superamento sia della dimensione abitativa e mentale segregante, differenziata, sia della condizione di separatezza spaziale, culturale e relazionale.
“Per influenzare le problematiche sociali e culturali, bisogna influenzare gli ambienti sociali e culturali”
Molti si pongono la domanda da quale area sociale iniziare: dal lavoro, o dalla scuola, o dalla formazione, o dalla casa, o dalla identità culturale, ecc. le priorità devono tener conto della realtà e dei bisogni del singolo e delle comunità, ed accertate attraverso idonei strumenti di ricerca.
Occorre tener conto che molte ricerche hanno documentato che la disponibilità di una abitazione è una “conditio-sine-qua-non” che incide positivamente sul benessere socio-relazionale e psico-fisico delle persone, rende possibile l'avvio di processi di auto-stima e empowerment.
Il modello housing first si fonda sul riconoscimento della casa come diritto umano primario, riconosce alla persona la capacità di acquisire uno stato di benessere psico-fisico pur in presenza di gravi condizioni di esclusione sociale e culturale, collega la stabilità abitativa al ripristino attorno alla persona della struttura relazionale e comunitaria, dal supporto dell’equipe pubblico-privato, fino al tempo necessario per la piena autonomia.
Quindi per smantellare la logica “campo nomade” occorre abbandonare l’approccio multiculturale e le politiche segreganti-differenziate per le comunità romanès, ed avviare processi interculturali di sviluppo delle comunità ed un approccio di housing first.
Queste sono le soluzioni di Fondazione romanì Italia per smantellare la “logica campo nomade”, segregante-differenziata, e tanto altro dell’estrema esclusione e discriminazione della minoranza romani.
Le iniziative attivate hanno permesso di verificare la positività prodotta con queste soluzioni, di definire un produttivo modello di lavoro pubblico-privato e di tracciare il profilo per la formazione di specifici professionisti.
Smantellare le politiche segreganti-differenziate- assistenzialistiche (logica campo nomade) ed avviare processi di sviluppo della minoranza romanì è possibile, è molto più semplice di quando si possa immaginare, e produce benefici per tutta la collettività, mentre sono tanti coloro che NON sono interessati ad abbattere concretamente la disumana “logica campo nomade”, per interessi personali e per scopi di parte.
Fondazione romanì Italia continuerà a proporre ed a realizzare iniziative, ove possibile, per smantellare il sistema della “logica campo nomadi” e rendere visibile per la minoranza romanì una diversa e proficua prospettiva politica, inserita in un contesto dotato di senso.
Numerosi saranno gli ostacoli creati ad arte, ma il sostegno alla nostra fondazione di numerosi amici della minoranza romanì continuerà ad essere la nostra forza.
Sostieni Fondazione romanì Italia
IBAN: IT83T0501803200000000167403
BIC/SWIFT: CCRTIT2T84A

SINTI NELLA RESISTENZA

LA STORIA SCONOSCIUTA: I ROM NELLA RESISTENZA

venerdì 21 aprile 2017

ROM SUMMER SCHOOL

Fuori campo - MYArt Film Festival

Fuori campo - MYArt Film Festival

Roma lives matter: Bulgarian Rom killed for “possession of pesticides”

Roma lives matter: Bulgarian Rom killed for “possession of pesticides”

ALEXIAN PRONTO A QUERELARE IL TG4 PER UN SERVIZIO RAZZISTA CONTRO I ROM

Genocide of the Roma | IHRA

Genocide of the Roma | IHRA

MEMORIE DA AGNONE


Ciao, sono a Agnone, provincia di Isernia, che durante la seconda guerra mondiale fu uno dei principali campi di concentramento italiani per rom e Sinti (e ebrei e stranieri).
Vi mando in allegato  la foto della targa..
Stefano Pasta






































vedi anche
http://www.romsintimemory.it/


 http://porrajmos.it/?lang=it


TSIGANES NOMADES - UN MALENTENDU EUROPEEN

http://www.tsiganes-nomades-un-malentendu-europeen.com/index.php?option=com_content&view=article&id=13&Itemid=4

venerdì 14 aprile 2017

sabato 8 aprile 2017

Rom e Sinti in festa a Rimini, roulotte e palloncini in piazza Cavour. Giochi e celebrazioni | altarimini.it

Rom e Sinti in festa a Rimini, roulotte e palloncini in piazza Cavour. Giochi e celebrazioni | altarimini.it

Monza, incendio alla Bettola nel cantiere della metro: feriti nomade e due suoi figli - Cronaca Monza

Monza, incendio alla Bettola nel cantiere della metro: feriti nomade e due suoi figli - Cronaca Monza

Incendio a Monza: una giovane nomade e i suoi due figli intrappolati dal fuoco

leggi qui:

Incendio Bettola nomade

Afin de ne pas oublier

Roma: A Question of Human Rights

SE SEI IGNORANTE TI TOCCA IGNORARE


8/4 GIORNATA INTERNAZIONALE DEI DIRITTI DEI ROM - IL VERO PROBLEMA NON SONO I CAMPI MA CHI E' CHIAMATO A DARE RISPOSTE

Da Il Fatto Quotidiano (articolo di Carlo Stasolla)

http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/04/08/giornata-internazionale-diritti-rom-il-vero-problema-non-sono-i-campi-ma-chi-e-chiamato-a-dare-risposte/3503961/

venerdì 7 aprile 2017

IL PORRAJMOS IN ITALIA

Itinerancias [Documental Historia Pueblo Gitano]

U Velto - Sinti e rom, la Commissione europea blocca le sanzioni

U Velto - Il Mondo, notizie ed immagini dai mondi sinti e rom: Sinti e rom, la Commissione europea blocca le sanz...: Alla vigilia dell' 8 aprile la Commissione europea, secondo quanto pubblicato dal Financial Times , ha bloccato per l'ennesima v...

Lo sguardo europeo sui diritti dei rom napoletani

Lo sguardo europeo sui diritti dei rom napoletani

Italia: crudele sgombero forzato alla vigilia della Giornata Internazionale dei rom - Amnesty International Italia

Italia: crudele sgombero forzato alla vigilia della Giornata Internazionale dei rom - Amnesty International Italia

Associazione New Romalen: Il Porrajmos e il silenzioso divoramento odierno

Associazione New Romalen: Il Porrajmos e il silenzioso divoramento odierno: Nella giornata della Memoria del Porrajmos, New Romalen e Circolo Arci Arcobaleno sono liete di invitarvi presso il Circolo Arci Arcob...

ROM E SINTI, LA GIORNATA INTERNAZIONALE: ITALIA BOCCIATA DALL'ONU SUI DIRITTI UMANI

nelpaese.it - ROM E SINTI, LA GIORNATA INTERNAZIONALE: ITALIA BOCCIATA DALL'ONU SUI DIRITTI UMANI

Rom, benvenuti nel ghetto Italia tra baraccopoli e diritti violati - l'Espresso

Rom, benvenuti nel ghetto Italia tra baraccopoli e diritti violati - l'Espresso

Rapporto 2016, l'Associazione 21 Luglio fotografa la situazione di Rom e Sinti in Italia - Cild Italia

Rapporto 2016, l'Associazione 21 Luglio fotografa la situazione di Rom e Sinti in Italia - Cild Italia

Gianturco Roma Camp Demolished This Morning

Gianturco Roma Camp Demolished This Morning

NOTRE ROUTE -Amaro Drom-: 8 Avril Journée internationale des Rrom

NOTRE ROUTE -Amaro Drom-: 8 Avril Journée internationale des Rrom: N'oublions pas que depuis le 1er Congrès de l'OPRE ROMA nous sommes des Rrom. Rrom de France, Rrom d'Espagne etc...... Depuis l&...

Giornata Internazionale Rom: “l’inclusione è possibile”

Giro il comunicato. Condivido la denuncia rispetto agli ex abitanti di  Via Idro che SONO STATI SGOMBERATI E PERTANTO SFRATTATI! Denuncio l'insufficiente impegno delle istituzioni nel garantire casa e lavoro (che  sono diritti universali!).
Paolo





COMUNICATO STAMPA

Giornata Internazionale Rom: “l’inclusione è possibile”

È il messaggio che Casa della carità e Centro Ambrosiano di Solidarietà lanciano in occasione dell’8 aprile. Delle 84 famiglie rom accolte dai due enti nel “Villaggio solidale” dal 2005, quasi l’80% oggi risiede in appartamento

Don Colmegna: “Affinché i percorsi di autonomia e inclusione sociale siano reali e positivi, anche le istituzioni devono fare la loro parte”

“Superare i campi rom e costruire percorsi di autonomia abitativa e inclusione sociale è possibile. Lo dimostra il lavoro che da anni portiamo avanti come Casa della carità e Centro Ambrosiano di Solidarietà”. A sostenerlo, in occasione della Giornata Internazionale dei Rom e Sinti che si celebra sabato 8 aprile, è don Virginio Colmegna presidente della Casa della carità e consigliere di direzione del CeAS.

“Ma affinché questi percorsi siano reali e positivi come l’esperienza del superamento di via Triboniano - aggiunge don Colmegna - anche le istituzioni devono fare la loro parte”. Il riferimento è alla chiusura del campo rom regolare di via Idro, avvenuta nel febbraio 2016. In quell’occasione, il Comune di Milano si impegnò con le famiglie promettendo che lo sgombero del campo sarebbe stato equiparato allo sfratto in termini di punteggio per l’assegnazione della casa popolare, ma quella promessa non è stata mantenuta. “È un fatto grave, che genera sfiducia nella possibilità per le famiglie sgomberate di accedere a quella soluzione abitativa stabile e definitiva che era stata loro prospettata”, dice ancora don Colmegna. Cinque delle famiglie di via Idro sono tuttora ospiti del progetto “Villaggio solidale” al Parco Lambro, dove Casa della carità e CeAS operano dal 2005.

In 12 anni, tra i due enti, sono stati accolti 84 nuclei familiari rom, a seguito di sgomberi di campi o in situazione di emergenza. Di questi, l’8 per cento è attualmente ospite del “Villaggio solidale” e il 6 per cento è sistemato in altre strutture di accoglienza, ma la stragrande maggioranza, il 79 per cento, risiede in appartamento a seguito del buon esito del progetto di integrazione. Si tratta di famiglie che abitano per lo più in affitto (52 per cento), ma qualcuna ha anche acquistato casa (8 per cento). Altre ancora sono andate a vivere in appartamenti nel loro paese d’origine, la Romania (11 per cento), o in altri stati europei (3 per cento). Solo 6 famiglie sono ritornate a vivere in un campo.

“Uno dei capisaldi del lavoro sociale che viene portato avanti dal progetto del “Villaggio solidale” è l’impegno per l’istruzione dei minori”, spiega Donatella De Vito, responsabile del progetto per i due enti. Sono 170 quelli complessivamente presi in carico dal progetto, nella maggior parte dei casi molto piccoli. L’86 per cento di loro ha intrapreso un percorso di scolarizzazione. In termini assoluti, ben 25 hanno conseguito il diploma di scuola superiore e 41 hanno portato a termine la licenza media. Altri 80 sono stati inseriti alla scuola dell’infanzia o alla scuola primaria.

“L’altra colonna portante del lavoro di integrazione del progetto Villaggio solidale - prosegue De Vito - è l’emancipazione della figura femminile”. In questo senso, i risultati più significativi sono stati i 40 contratti di lavoro raggiunti e i 133 progetti di formazione e inserimento lavorativo realizzati. Un ultimo confortante dato riguarda le 19 donne uscite dall’analfabetismo. “Ed è proprio pensando a belle storie come le loro - conclude l’operatrice - che vivremo la giornata dell’8 aprile al Villaggio Solidale”.


Milano, 7 aprile 2017


--

Ufficio stampa Fondazione Casa della carità "Angelo Abriani"Valentina Rigoldi - 344 06 74 986
www.casadellacarita.org twitter.com/casadellacarita - facebook.com/CasaDellaCaritaMilano

lunedì 3 aprile 2017

PROPOSTE DELLA FONDAZIONE ROMANI'




Se non riesci a leggere l'email clicca qui
--
--




Folclorismo ed oscurantismo






È molto più semplice di quando si possa immaginare mettere in atto soluzioni per migliorare le condizioni di vita e la coesione socio-culturale delle comunità romanès; per raggiungere con successo questi obiettivi è essenziale un modello di partecipazione attiva e qualifica del rom, specifico e non esclusivo, il quale incide sulla definizione del futuro della minoranza romanì.

Dopo i documentati errori del passato verso la minoranza romanì realizzate con “il gioco delle tre carte” con politiche differenziate-assistenziali-segreganti dei campi nomadi, delle micro-aree e dei diritti differenziati, NON DOBBIAMO permettere che la partecipazione attiva del rom sia strumentalizzata, e possiamo farlo rendendo visibili e documentate le nostre proposte e le nostre azioni.

Deve essere chiaro che dipende da noi, dall’attivismo/associazionismo romanò.

Nei giorni scorsi i media hanno riportato che a Roma una cooperativa ha “ingaggiato” una persona rom, Luciano Casamonica, ed altri suoi sette familiari per il servizio di vigilanza ai campi nomadi.

Non si tratta di una casualità, ma è la generalizzata scelta della politica, delle istituzioni e della società civile, di adottare un modello di partecipazione attiva del rom tutto concentrato su folclorismo e oscurantismo, in cui la persona/associazione rom è in balia della volontà altrui.

Occorre riconoscere che il modello di partecipazione attiva del rom, folcloristico ed oscurantista, è realizzato in Italia per responsabilità di quelle persone/associazioni rom che si prestano sia a svolgere ruoli senza avere specifiche conoscenze-competenze, sia a collaborare o gestire progetti inutili, e spesso dannosi, per le comunità romanès.

Gli esempi documentati di progetti fallimentari con la partecipazione attiva del rom sono numerosi.

Non ha più senso e valore continuare ad attribuire responsabilità ad altri, perché oggi la responsabilità è chiaramente di un attivismo/associazionismo romanò che in gran parte sta dimostrando incompetenza nell' indicare e realizzare proposte inserite in un contesto dotato di senso e coerenti ai bisogni delle comunità, ed anche incapacità a comporre strategie e collaborazioni per canalizzare risorse e energie di tutti nella direzione di soluzioni utili a migliorare le condizioni delle comunità romanès.

Fondazione romani Italia ha analizzato criticamente gli errori del passato per la minoranza romanì ed alla luce delle considerazioni emerse ha definito il percorso di elaborazione di una specifica visione politica con un modello di partecipazione attiva e qualificata del rom, specifica e non esclusiva, nei processi consultivi, decisionali e gestionali, laddove per “qualificata” si intende dotata di conoscenze-competenze professionali e di requisiti morali.

All’interno della visione politica di Fondazione romanì Italia il modello di partecipazione attiva del rom e le azioni e le pratiche quotidiane legate al riconoscimento della personalità culturale alla minoranza romanì, creano un movimento virtuoso che si completa con la responsabilizzazione delle comunità romanès, le quali diventano protagonisti del proprio futuro e della promozione della propria identità culturale nel pieno e aperto dialogo con tutte le comunità del territorio in cui si trovano a vivere.

I risultati realizzati da questo movimento virtuoso di Fondazione romanì Italia sono visibili e mettono in discussione il “sistema” di sviluppo degli interventi per la minoranza romanì che tanti danni ha prodotto.


 


---


Fondazione romanì Italia

Via Rigopiano n. 10/B  - 65124 Pescara  - 3277393570

sabato 1 aprile 2017

lunedì 27 marzo 2017

SERCo: PRIME LUCI SULL'IMPRENDITORIA SOCIALE ROM A TORINO.






















Idea Rom Onlus ha aggiunto 28 nuove foto datate 17 marzo all'album: SERCo: PRIME LUCI SULL'IMPRENDITORIA SOCIALE ROM A TORINO.
Oltre 150 persone, la gran parte Rom provenienti dalle baraccopoli di Torino, hanno partecipato, nei locali del Centro di Aggregazione Culturale di via Cavagnolo 7 a Torino, alla presentazione del progetto europeo SERCo (Social Entrepreneurship for Roma Communities) organizzata da Idea Rom.
Come è stato spiegato nel corso della conferenza, l'obiettivo del progetto è quello di promuovere l'economia sociale come strumento per l'inclusione economica delle comunità Rom.
Numerosi sono stati i relatori che si sono alternati durante la giornata, tra questi anche Viviana Ferrero, presidente della Commissione Pari Opportunità del Comune di Torino che ha rivolto un sentitissimo saluto istituzionale ai partecipanti.
Diverse le esperienze lavorative emerse come quella di Zaim Halilovic, imprenditore Rom impegnato nella raccolta di materiale ferroso, che ha raccontato come la regolarizzazione della propria posizione lavorativa abbia permesso di vivere e lavorare oggi con maggior continuità e serenità.
Un altro intervento, come quello fatto da Ettore Racca, imprenditore e artista di Sinto, ha sottolineato l'importanza di operare sempre all'interno dei limiti imposti dalla legalità e come questa sia uno strumento per dare maggiore dignità e sicurezza al proprio lavoro.
Fra gli interventi al centro dell'incontro quelli dei rappresentanti di importanti cooperative sociali di Torino che, oltre descrivere la propria esperienza, hanno indicato importanti filoni imprenditoriali su cui poter investire energie e speranze.
Una partecipazione così alta, sia dal punto di vista numerico che di contenuti, non può che essere un interessante punto di partenza per puntare all'apertura di nuove imprese sociali nelle quali i Rom abbiano ruoli significativi per numero e tipologia di occupazioni lavorative.
Per ulteriori informazioni: https://www.facebook.com/sercommunities/
---------------------------
SERCo: FIRST LIGHT ON ROMA SOCIAL ENTREPRENEURSHIP IN TURIN
Over 150 people, mostly Roma from the slums of Turin, attended, at the Cultural Aggregation Center in Via Cavagnolo 7 in Turin, at the presentation of the European project Serco (Social Entrepreneurship for Roma Communities) organized by Idea Rom.
As explained during the conference, the project's aim is to promote the social economy as a tool for economic inclusion of Roma communities.
There were numerous speakers who took turns during the day, among them also Viviana Ferrero, President of the Equal Opportunities Commission of the City of Turin who addressed warm institutional greetings to the participants.
Different work experiences emerged as the one of Zaim Halilovic, Roma entrepreneur engaged in the collection of ferrous material, which told how the regularization of his employment status allowed him to live and work today with greater continuity and serenity.
Another speech, such as that made by Ettore Racca, Sinto entrepreneur and artist, stressed the importance of working always within the limits imposed by law and that this is an instrument to give greater dignity and safety to the work.
Among the speeches, at the center of the meeting were those of important social cooperatives based in Turin that, in addition to describe their experience, have indicated major business strands on which to invest energy and hopes.
Such an high participation, both from a numerical and a contents point of view, can only be an interesting start to point to the opening of new social enterprises in which Roma people have significant roles for the number and type of job occupations.
More infos at: https://www.facebook.com/sercommunities/