mercoledì 5 luglio 2017

ANCHE MONZA IMPLACABILE CONTRO I ROM!

 
L'implacabile nuovo sindaco Allevi

 

 
SGOMBERATA LA TEMIBILE PERSONA DI GENERE FEMMINILE

DAL SITO DEL COMUNE DI MONZA: "alle 8.45 di questa mattina, mercoledì 5 luglio 2017, una squadra composta da una trentina di operatori, fra Polizia locale, Carabinieri e Polizia di Stato è intervenuta nello stabile di via Curtatone 32, dove da tempo era segnalata la presenza di accampamenti abusivi.Nell'edificio, di proprietà di Regione Lombardia, in realtà è stata trovata solo una persona di genere femminile, la cui posizione è ora al vaglio della Polizia"

 

Osservazione personale: ma il degrado e lo spreco di denaro pubblico lo producono dei poveri senza dimora che cercano un riparo per sé e per i loro bambini o non piuttosto amministratori che lasciano una struttura pubblica inutilizzata per anni e anni? Senza parlare dei costi di queste operazioni di polizia che servono più a fare sceneggiate per i media che a risolvere le questioni.

-------------------------------------

 

Ed ecco la notizia completa: 

dal sito del Comune di Monza

Presidi in stazione e sgomberi: una promessa mantenuta

5 luglio 2017
Le operazioni per garantire una maggiore sicurezza della città sono partite.
Come promesso dal sindaco Dario Allevi subito dopo la sua elezione, sono già stati istituiti due presidi della Polizia locale, ai Boschetti reali e in Stazione, ed oggi si sono concluse le operazioni di sgombero di alcuni edifici occupati abusivamente.
Dal 1° luglio all'ingresso di via Arosio dello scalo ferroviario è infatti presente, per tutto il giorno, un ufficio mobile con due agenti, coadiuvato nell'attività di sorveglianza da una pattuglia mobile che monitora anche l'altro accesso di Porta Castello.
In contemporanea un'altra pattuglia con due quartieristi è invece ben visibile ai Boschetti reali.
Ma oggi è stata avviata anche un'altra importante operazione contro il crescente degrado urbano: alle 8.45 di questa mattina, mercoledì 5 luglio 2017, una squadra composta da una trentina di operatori, fra Polizia locale, Carabinieri e Polizia di Stato è intervenuta nello stabile di via Curtatone 32, dove da tempo era segnalata la presenza di accampamenti abusivi.
Nell'edificio, di proprietà di Regione Lombardia, in realtà è stata trovata solo una persona di genere femminile, la cui posizione è ora al vaglio della Polizia, anche se erano evidenti le tracce della presenza di altri individui.
Constatato che gli occupanti, probabilmente di etnia rom, si erano trasferiti in un altro edificio, in via Solferino 25, il Commissariato, sentita il privato proprietario dell'area, ha immediatamente autorizzato e proceduto ad un ulteriore intervento di sgombero.
Entrambe gli stabili sono stati ripuliti dalle ingenti quantità di rifiuti maleodoranti e dalle masserizie presenti e riconsegnati alle rispettive proprietà, dopo aver provveduto a sigillarne gli accessi.
"Il pacchetto sicurezza ha quindi preso avvio partendo dalle zone più critiche - ha dichiarato il sindaco Dario Allevi -, ma presto si affiancheranno anche altre misure che convolgeranno le aree più sensibili del resto della città."
2017_sgombero_Curtatone_22017_sgombero_Curtatone_32017_sgombero_Curtatone_52017_sgombero_Curtatone_4
Data creazione: 05 luglio 2017

Nessun commento:

Posta un commento